Freddie Mercury che canta

FREDDIE MERCURY RITORNA: LE ULTIME NEWS DAL WEB

Dopo il successo del film Bohemian Rhapsody si ritorna a parlare di lui: Freddie Mercury, grande frontman dei Queen dall’esuberante personalità, che a ben 28 anni dalla sua morte, lascia ancora parlare di sé e stavolta lo fa attraverso un brano inedito, trovato e restaurato da David Clark, caro amico di Freddie oltre che autore e produttore del musical “Time”.

Di seguito sono riportate tutte le novità rispetto al misterioso ritrovamento, oltre che una rispolverata sulla vita di Freddie e qualche curiosità su questa band immortale da non perdere assolutamente.

QUALCHE PASSO INDIETRO SULLA VITA DI FREDDIE MERCURY

Meno conosciuto come Farrokh Bulsara, nacque il 5 settembre 1946 da una famiglia di origini indiane.

Da bambino intraprese gli studi elementari a Bombay, in India, per poi completarli in Inghilterra. Questa infanzia internazionale permise al futuro cantante di costruirsi un bagaglio di esperienze non indifferente.

Inoltre, inizialmente, il destino di Freddie non sembrava affatto la musica, dato che si era iscritto all’Istituto d’Arte Ealing, laureandosi in arte e design.

Dopo qualche tempo però la sua predisposizione verso la musica uscì fuori poiché mise in mostra le sue straordinarie doti da pianista e vocalist in gruppi come “Sour Milk Sea” e “Wreckage“.

Con questi sviluppò le sue capacità artistiche e sceniche. Ma è l’incontro con Brian May e Roger Taylor che gli cambia la vita.

I tre fondarono quel gruppo universalmente conosciuto come i “Queen“, suggerito dallo stesso Freddie, il quale ne approfittò e cambiò persino il suo nome: da Farrokh Bulsara a Freddie “Mercury” in omaggio al messaggero degli dei.

L’esigenza di un bassista porterà poi John Deacon ad aggiungersi alla band e a completare la formazione. Sul palco, come nella vita dopotutto, Mercury si è dimostrato uno straordinario interprete dei suoi brani, un vero animale da palcoscenico.

E’ stato uno dei pochi performer in grado di catturare l’attenzione di migliaia di spettatori con un solo gesto.

Nel corso della sua carriera poi, divenne sempre più coraggioso nel vivere la sua identità, dichiarando la sua omosessualità.

Si ammalò poi di Aids (contratto forse nel 1986) malattia che lo portò ad una scomparsa prematura il 24 novembre 1991 per polmonite.

BOHEMIAN RHAPSODY

Di recente (2018) è stato dedicato a Freddie e ai Queen un film intitolato “Bohemian Rhapsody” che ripercorre i primi 15 anni del gruppo rock, dalla nascita della band fino al concerto Live Aid.

Il film ha ricevuto 4 Oscar durante la 91esima edizione, risultando il film più premiato.

Diretto da Bryan Singer e prodotto anche in versione karaoke, per permettere agli spettatori di accompagnare con le proprie voci i brani durante la visione dello stesso.

Inoltre pare che questo film abbia riscosso un grande interesse soprattutto fra gli adolescenti che, in maggioranza lontani dallo stile rock, hanno maturato una passione per la musica dei Queen, aumentando il tasso di immortalità della band.

Foto dei volti della band i Queen
(immagine di repubblica.it)

CHE FINE HANNO FATTO I QUEEN?

Dopo l’uscita di Bohemian Rhapsody in molti sono rimasti a bocca asciutta e si sono chiesti che fine possano aver fatto gli altri membri dei Queen… scopriamolo insieme!

Brian May:

Chitarrista, compositore, cantautore e fondatore dei Queen insieme a Roger Taylor, è considerato uno dei migliori chitarristi di tutti i tempi.

È sposato con l’attrice inglese AnitaDobson ed ha tre figli. È l’autore di molti brani di successo dei Queen e dopo la morte di Freddie, May e Taylor hanno continuato a suonare insieme.

Dopo 20 anni, l’1 gennaio 2019 è uscito il suo primo lavoro da solista.

Roger Taylor:

Batterista dei Queen, polistrumentista, compositore e cantautore, è considerato tra i 100 migliori batteristi di tutti i tempi.

Dopo la morte di Freddie Mercury si è gettato nella carriera da solista pubblicando molti LP. Nel 2010 ha sposato Sarina Potgieter e ha 6 figli.

Inoltre ha subito la perdita dell’udito ad entrambe le orecchie a causa di una prolungata esposizione a rumori troppo forti. Utilizza per questo motivo degli apparecchi acustici che lo aiutano ad esibirsi ancora dal vivo.

John Deacon:

Bassista, musicista e compositore, è il più giovane dei quattro componenti ed è stato l’ultimo ad entrare nella band dei Queen.

Come gli altri del gruppo anche lui è autore di alcuni successi, ma a differenza di Brian e Roger, dopo la morte di Freddie Mercury, John non si è più ripreso, infatti non ha prodotto nuove canzoni, ma ha collaborato con diversi artisti e dopo aver suonato con i Queen per altre tre volte ha deciso di ritirarsi dal mondo della musica.

Vive nel sud ovest di Londra, ed è sposato con Veronica Tetzlaff da cui ha avuto 6 figli.

Ad oggi si è allontanato non solo artisticamente, ma anche socialmente dagli altri membri del gruppo che hanno ammesso di non avere più contatti con lui.

I 3 Protagonisti della band dei queen che parlano tra loro
(immagine di cinemagia.ro)

NEWS INEDITO DI FREDDIE MERCURY

Dave Clark, amico di Mercury, ha rivelato di essere riuscito a recuperare una versione inedita di un brano cantato da Freddie nel 1986.

La data di uscita è prevista per il prossimo 21 giugno e l’etichetta discografica che lancerà il brano è la Virgin / Emi.

La traccia è stata cercata per molti anni, ma non è mai stata trovata prima di questo mercoledì. Si tratta di un pezzo voce e piano dal titolo “Time Waits For No One”. «Mi ha fatto venire la pelle d’oca», ha commentato Clark dopo essere riuscito a recuperare e restaurare il brano.

All’uscita del brano è prevista anche la pubblicazione di un videoclip, in cui Freddie parla della canzone al Dominion Theatre di Londra.

Dave Clark al suo concerto a dorso nudo con la sua asta
(immagine di supereva.it)

CURIOSITA’ DA NON LASCIARSI SFUGGIRE

Ecco le sei curiosità su Freddie e sulla band che in pochissimi conoscono, ma che vale la pena sapere:

  • Come ultimo desiderio volle esser sepolto in un luogo segreto, e la sua tomba rimane ancora un mistero.
  • I Queen non si sono mai sciolti a differenza di come è mostrato nel film Bohemian Rhapsody, ma hanno solo preso una brevissima pausa, dunque il concerto Live Aid non rappresentò alcuna reunion della band, infatti otto settimane prima si esibirono ad Osaka.

L’ IMMAGINE DI FREDDIE MERCURY

  • L’immagine di Freddie Mercury è legata ai suoi baffi, ma quella che oggi è una delle sue caratteristiche più iconiche, in realtà, non fu affatto apprezzata dai fans dei Queen di quel periodo… infatti nei primi concerti in cui venne sfoggiato il nuovo look, gli spettatori lanciarono sul palco dei rasoi.
  • In aggiunta al nome della band, Mercury disegnò anche il logo distintivo. Esso racchiudeva tutti i segni zodiacali dei componenti della band: due leoni per John Deacon e Roger Taylor, un granchio per rappresentare Brian May, nato sotto il segno del Cancro. Infine raffigurò sé stesso con due fatine, che insisteva rappresentassero il segno della Vergine! Il tutto sormontato da una gigantesca fenice, simbolo di rinascita, preso in prestito dallo stemma della sua scuola elementare.
  • Freddie Mercury era un gattaro. Ha avuto moltissimi gatti in casa e quando era in tour con i Queen, il cantante chiamava abitualmente a casa per parlare con i suoi amatissimi animali domestici.
Stemma dei queen
(immagine di badlogojukebox.com)

DI FREDDIE E DEI QUEEN NON NE AVREMO MAI ABBASTANZA

È stato un anno pieno di novità per questa band, che non si lascia logorare dal tempo, anzi invecchiando diventa pregiata, ricca di arcani da svelare e curiosità da scoprire.

Immortale ed unica nel suo stile, come il suo frontman.Ci auguriamo che resti nei cuori delle future generazioni grazie al film dedicatole, senza escludere che potrebbe esserci un sequel!

E perché no… delle news su qualche altro inedito ritrovato. Perché si sa che di Freddie Mercury e dei Queen non ne avremo mai abbastanza!

Queen – We are the Champion (video da Youtube)

A cura di Laura Imperato

Leggi anche:

Leggi ultimo articolo di Laura Imperato

Leggi anche: https://cercolinfo.it/index.php/2019/06/08/rocketman-la-vera-storia-di-elton-john/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *